Quali sono i passi per installare il minieolico?

  • Valutazione del luogo e verifica della normativa paesaggistica applicata al luogo;
  • Analisi del vento tramite campagna anemometrica o studio anemologico;
  • Progettazione impianto e presentazione D.I.A (Dichiarazione di Inizio Attività);
  • Installazione impianto.

Nella Legge Finanziaria 2008 è stata introdotta una semplificazione della procedura autorizzativa comunale:
“per semplificare la procedura di installazione si dichiara che per impianti di taglia compresa tra 1 e 60 kW è sufficiente la Dichiarazione di Inizio Attività (D.I.A.), con la quale, al termine di 30 giorni dalla presentazione della domanda, se non sono necessari approfondimenti si può procedere all’installazione. “(Dlgs 387-29/12/2003, integrato dalla Finanziaria 2008, tabella A Art 12).

Vantaggi

Il vento, cioè il movimento dell’atmosfera, è provocato dal sole. Tra le fonti rinnovabili derivanti dal sole, quella eolica è stata la prima ad essere stata utilizzata dall’uomo sotto forma di energia meccanica. I vantaggi del minieolico derivano proprio dalla sua semplicità e dalla sua efficienza.

l’installazione di un impianto fotovoltaico da 3kW necessita di una superficie di circa 21-25 mq; una turbina eolica della stessa potenza invece ha diam 3,4 m.
L’efficienza massima di un impianto eolico può essere calcolata utilizzando la Legge di Betz, che mostra come l’energia massima che un generatore qualunque (ad esempio una turbina eolica) può produrre sia il 59,3% di quella posseduta dal vento che gli passa attraverso. Tale efficienza è il massimo raggiungibile, e un aerogeneratore con un’efficienza compresa tra il 40% e il 50% viene considerato ottimo.
Come il mulino, un generatore eolico ha una tecnologia semplice. Questo fa si che il costo di manutenzione si riduca sensibilmente; in più, non c’è da pulire come è necessario per i pannelli fotovoltaici.

Come funzionano gli incentivi per il minieolico?

Incentivi sulla produzione di energia eolica per impianti compresi tra 1 kW e 200 kW. Chi installa un impianto eolico e lo allaccia alla rete, può usufruire di due possibilità (Legge finanziaria 2008):

Tariffa Omnicomprensiva:
tutta l’energia prodotta dall’impianto viene immessa nella rete elettrica nazionale e vi viene pagata dal Gestore dei Servizi Elettrici (GSE) al prezzo di 0,30 € a kW prodotto. La tariffa è garantita per 15 anni e il pagamento dell’energia prodotta viene direttamente versato sul conto corrente segnalato all’atto del contratto. L’energia eventualmente consumata viene misurata attraverso un contatore differente e pagata al prezzo di mercato;
Scambio sul Posto
l’energia prodotta viene immessa interamente in rete e registrata da un contatore, l’energia consumata viene altrettanto misurata da un contatore separato e ogni 6 mesi si effettua un conguaglio in cui l’operatore fornitore del servizio elettrico rimborsa l’eventuale eccedenza di produzione da impianto eolico o in alternativa addebita l’energia consumata.